Il Partitore di Tensione

Benvenuto o benvenuta su elettronicafaidate.it, in questo articolo voglio mostrarti cos’è e come funziona il partitore di tensione ma soprattutto come calcolare la tensione e corrente in uscita che saremo noi a decidere, calcolando i valori delle due resistenze in serie.

Il partitore di tensione cos’è?

Il paritore di tensione detto anche partitore resistivo è semplicemente un collegamento in serie di due resistenze con una tensione tra le due che può essere la metà della tensione di alimentazione oppure una tensione che decidiamo noi.

A cosa serve?

Il partitore è molto comune nei circuiti elettronici, ad esempio se in un circuito che funziona a 12V abbiamo la necessità di alimentare un operazionale o un integrato come ad esempio un ne555 e vogliamo alimentarlo a 5V, possiamo utilizzare un partitore di tensione.

 

Configurazione di un partitore di tensione:

partitore-di-tensione

Tra il punto centrale delle due resistenze e il ground possiamo prelevare una tensione di 5v e 20mA che ho scelto io, partendo da 12V di alimentazione. Vediamo come scegliere le resistenze R1 e R2 in base a tensione e corrente che vogliamo.

Partitore di tensione formula

La resistenza che imposta la tensione di uscita è R2, per calcolarla basta utilizzare la legge di ohm:

R = V/I  di cui V è la tensione che vogliamo in uscita, 5V in questo caso, ed I è la corrente che vogliamo in uscita 20mA, quindi 5/0.020 = 250 Ω

Per calcolare R1 basta fare: Tensione di alimentazione meno tensione desiderata diviso la corrente desiderata.

12V – 5V = 7 —-> 7/0.020 = 350 Ω

Divisore di tensione:

Io lo chiamo divisore di tensione, penso sia il nome corretto comunque, il divisore di tensione è sempre un partitore di tensione che in questo caso divide la tensione di alimentazione VCC/2, è composto da resistenze R1 e R2 di valore uguale, questo permette di dividere la tensione di alimentazione e la corrente dipende dalla serie delle due resistenze, vediamo un esempio:

partitore-di-tensione-formula

La tensione di uscita è di 5V esattamente la metà dell’alimentazione.

La corrente è data dalla serie di R1 è R2, quindi con la solita legge di ohm abbiamo,

I = V/R —> 10V/2000Ω = 5mA.

Se invece vogliamo alimentare questo ne555 con la solita tensione di 5V ma con una corrente di 50mA:

R = V/I —-> 5V/50mA = 200 Ω

Questa è la resistenza totale per avere 50mA, quindi è da dividere per le 2 resistenze.

R1 =100 Ω   R2 = 100 Ω

Questo perchè le resistenze sono in serie.

Formula principale:

Vediamo ora la formula più comune per il calcolo del partitore di tensione che ci permette di capire qual’è la tensione di uscita, possiamo utilizzarla per analizzare un circuito elettrico:

divisore-di-tensione

Puoi provare a calcolare le tensioni di uscita che abbiamo visto prima con questa formula, prova anche a risolvere l’esercizio qui sotto.

Esercizio

Dato il seguente circuito calcola il valore delle resistenze per alimentare il led con 3.3V e 25mA, sapendo che la tensione di alimentazione è di 15 Volt.

Scrivi i valori delle 2 resistenze nei commenti.

divisore

Cosa dice wikipedia sul partitore

Se questo articolo ti è stato utile fammelo sapere nei commenti 😀

 

 

Lascia un commento